Invalidità civile 2023: importi e limiti di reddito

Invalidità civile 2023: importi limiti di reddito

La concessione delle somme per invalidità civile è strettamente legata a determinati limiti reddituali, che, come ogni anno, vengono rivalutati in base all’inflazione e al costo della vita.

Da gennaio 2023, quindi gli importi saranno aggiornati e adeguati in base al costo della vita rilevato nel 2022.

Invalidità civile 2023, ecco gli importi delle prestazioni e i limiti di reddito

Vediamo di seguito quello che occorre sapere sull’argomento ed a quanto ammontano i trattamenti sociali e le prestazioni assistenziali erogate agli invalidi civili.

Crescono, dunque, nel 2023 le prestazioni erogate dall’INPS agli invalidi civili. Ne consegue che la pensione di invalidità civile che oggi vale 291,69 euro al mese, salirà a circa 313,91 euro al mese. Incremento che non è definitivo, ma suscettibile di ulteriori variazioni in base ai dati definitivi dell’inflazione che saranno elaborati nella prossima primavera dall’Istat.

Sulla scorta di tale adeguamento saranno aggiornati, sempre a partire dal 1° gennaio 2023, anche i limiti di reddito individuali consentiti per mantenere la pensione di invalidità. Si passerà con ogni probabilità da 5.010,20 euro a 5.381 euro circa all’anno.

Le prestazioni alle quali facciamo riferimento sono:

Ai fini della concessione di tali prestazioni assistenziali resta fermo il principio secondo il quale occorre guardare solo al reddito personale del beneficiario della prestazione, escludendo quindi gli eventuali redditi percepiti dagli altri componenti del nucleo familiare a cominciare dal coniuge (ai sensi di quanto stabilito recentemente dall’articolo 10, comma 5 del Dl 76/2013).

Inoltre, si rammenta che a seguito della recente sentenza della Corte Costituzionale n. 152/2020, gli invalidi civili totali, i sordomuti titolari di pensione speciale, nonché i ciechi assoluti possono ottenere il cd. incremento al milione sin dal compimento dei 18 anni (dai 70 anni per gli invalidi civili parziali e per i ciechi parziali) grazie al quale è possibile raggiungere un massimo di 660,27 euro al mese. Va ricordato che tale maggiorazione, come noto, è però subordinata al fatto che il titolare della prestazione di invalidità deve rispettare determinati requisiti reddituali propri ma anche del coniuge.

Invalidità civile 2023: importi e limiti di reddito

Di seguito vi indichiamo gli importi ed i limiti reddituali delle prestazioni assistenziali e dei trattamenti sociali relativi al 2022 ed al 2021, in attesa della circolare INPS con la quale verranno descritte nel dettaglio le attività di rivalutazione delle pensioni e delle prestazioni assistenziali, propedeutiche al pagamento delle prestazioni previdenziali e assistenziali nel 2023.

 

Informazioni su Avv. Nadia Delle Side 604 Articoli
Avvocato specializzato su invalidità, e disabilità, indennità di accompagnamento, cecità, sordità, handicap, prestazioni Inps e Inail. Richiedi una Consulenza Legale Online. Lo Studio offre un servizio di consulenza legale on line puntuale ed eccellente ad un costo che, nella maggior parte dei casi, è compreso tra i 60 e 150 euro. Clicca qui!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*