Tar Lazio: illegittimo includere nell’ISEE le pensioni di invalidità e accompagnamento

tar lazio isee

Il Tar del Lazio, prima sezione, ha accolto in parte il ricorso presentato dai famigliari delle persone disabili contro l’Indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) entrato in vigore a inizio 2015, che ha introdotto un meccanismo di calcolo per l’accesso ad aiuti e a prestazioni sociali agevolate sfavorevoli per le persone con disabilità più gravi.

Il testo della sentenza non è ancora disponibile, per cui occorrerà attendere per capire in che modo e in che misura il governo dovrà modificare l’Isee .

In ogni caso il rischio è che il percorso del nuovo Isee subisca altri intoppi, dopo lo stallo della convenzione tra l’Inps e i Caf per il supporto alla compilazione dei modelli.

I ricorsi presentati al Tar sono stati in tutto tre, poi riuniti in uno solo dal tribunale amministrativo. Tra i punti più contestati c’è il fatto che i contributi ricevuti a fine assistenziale, come le pensioni di invalidità e le indennità di accompagnamento, devono essere conteggiati nel reddito. I ricorsi hanno poi sollevato obiezioni sul tetto da 5mila euro per le spese detraibili nel calcolo dell’Isee e la possibilità data solo ai disabili maggiorenni di considerare nuclei famigliari ristretti di una sola persona, vantaggio di cui non godono invece i minorenni e gli anziani con disabilità.

Fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it

Informazioni su Avv. Nadia Delle Side 685 Articoli
Avvocato specializzato su invalidità, e disabilità, indennità di accompagnamento, cecità, sordità, handicap, prestazioni Inps e Inail. Richiedi una Consulenza Legale Online. Lo Studio offre un servizio di consulenza legale on line puntuale ed eccellente ad un costo che, nella maggior parte dei casi, è compreso tra i 60 e 150 euro. Clicca qui!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*