Pensioni Quota 100, Quota 102, 103 e anticipate: incumulabilità con redditi da lavoro

Pensioni e incumulabilità con redditi da lavoro

L’Inps ha fornito chiarimenti e indicazioni in merito all’incumulabilità della Pensione Quota 100, Quota 102, 103 e  le pensioni anticipate con i redditi da lavoro.

Pensioni e incumulabilità con i redditi da lavoro

La normativa vigente stabilisce alcuni casi in cui vi è incumulabilità tra le pensioni e i redditi da lavoro.

Incumulabilità tra pensione e redditi significa che una volta pensionati non si può lavorare.

Diciamo che in via generale si può lavorare dopo la pensione, ma esistono alcune eccezioni e alcuni limiti legati al tipo di prestazione pensionistica percepita e alle modalità di accesso alla pensione.

Attenzione però, l’incumulabilità vige esclusivamente per un determinato arco temporale previsto dalla legge e in relazione soltanto a alcune tipologie di redditi.

Incumulabilità Quota 100, 102, 103, pensioni anticipate con i redditi da lavoro

Nello specifico, dunque, per le pensioni Quota 100, Quota 102 e per le pensioni anticipate flessibili è prevista, a partire dal primo giorno dalla decorrenza della pensione e fino a quando non si maturano i requisiti per la pensione di vecchiaia, la non cumulabilità con i redditi provenienti sia da lavoro dipendente che autonomo.

Quindi, l’incumulabilità non è vita natural durante, ma vige solo per il periodo che va dalla data di decorrenza della pensione alla data di maturazione del requisito anagrafico per la pensione di vecchiaia.

Ciò significa che se il pensionato lavora comunque nel periodo di divieto di cumulo redditi/pensione l’Inps provvederà a sospensione dell’erogazione della pensione nell’anno di produzione dei predetti redditi.

L’INPS provvede in ogni caso ad informare i pensionati sul regime di incumulabilità della pensione con i redditi da lavoro, al momento in cui comunica il provvedimento di liquidazione della pensione.

Inoltre, i pensionati con Quota 100, Quota 102, 103 o pensione anticipata flessibile, prima del compimento dell’età prevista per il pensionamento di vecchiaia, sono tenuti anche a dichiarare all’INPS eventuali redditi da lavoro, sia dipendente che autonomo, che potrebbero influire sull’incumulabilità della pensione.

Redditi da lavoro autonomo occasionale

Pertanto, in linea generale è prevista l’incumulabilità della pensione Quota 100, Quota 102, 103 o pensione anticipata flessibile con i redditi da lavoro dipendente o autonomo, ad eccezione però dei redditi derivanti da lavoro autonomo occasionale, sempre che non superino i 5mila euro di compensi lordi annui.

L’INPS, inoltre, con le circolari n.11 del 29 gennaio 2019 e n. 117 del 9 agosto 2019 ha chiarito che ai fini del calcolo del limite dei 5mila euro lordi, si considerano tutti i redditi annuali derivanti da lavoro autonomo occasionale, anche quelli riconducibili all’attività svolta nei mesi dell’anno precedente la decorrenza della pensione e/o successivi al compimento dell’età richiesta per la pensione di vecchiaia.

Sempre nella circolare 117/2019 dell’Inps si trova un elenco tassativo di ulteriori redditi che non rilevano ai fini dell’incumulabilità (tra cui il lavoro occasionale), tra cui le indennità per cariche elettive, i redditi di impresa non connessi ad attività di lavoro, le indennità dei giudici di pace, quelle dei giudici onorari e dei giudici tributari, l’indennità sostitutiva del preavviso, l’indennizzo per la cessazione dell’attività commerciale.

Si ricorda che, in caso di mancato rispetto del regime di non cumulabilità, l’INPS è tenuta a sospendere la pensione e a recuperare le mensilità pagate indebitamente.

Informazioni su Avv. Nadia Delle Side 682 Articoli
Avvocato specializzato su invalidità, e disabilità, indennità di accompagnamento, cecità, sordità, handicap, prestazioni Inps e Inail. Richiedi una Consulenza Legale Online. Lo Studio offre un servizio di consulenza legale on line puntuale ed eccellente ad un costo che, nella maggior parte dei casi, è compreso tra i 60 e 150 euro. Clicca qui!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*