Bonus genitori separati o divorziati con figli minori o disabili: domande fino al 31 marzo

Bonus genitori separati o divorziati con figli minori o disabili

Dal 12 febbraio al 31 marzo 2024 è possibile presentare la domanda per ottenere il bonus per genitori separati o divorziati e/o non conviventi.

Il bonus, si ricorda, era stato istituito per assicurare a genitori separati o divorziati, a basso reddito, la continuità dell’assegno di mantenimento che sia stato ridotto o non versato dall’altro genitore a causa dell’emergenza Covid, nel periodo compreso tra l’8 marzo 2020 e il 31 marzo 2022.

BONUS GENITORI SEPARATI O DIVORZIATI: CHI NE HA DIRITTO

Il bonus è previsto qualora l’altro genitore non abbia versato, del tutto o in parte, l’assegno di mantenimento perché, a causa dell’emergenza COVID, abbia cessato, ridotto o sospeso l’attività lavorativa a decorrere dall’8 marzo 2020 per una durata minima di novanta giorni oppure abbia subito una riduzione del reddito di almeno il 30 per cento rispetto al reddito percepito nel 2019.

Nello specifico, il bonus spetta al genitore in stato di bisogno, che nell’anno di mancata o ridotta corresponsione del mantenimento abbia avuto un reddito inferiore o uguale a 8.174,00 euro, e che non abbia ricevuto del tutto o in parte l’assegno di mantenimento nel periodo sopra indicato e per i motivi sopra indicati, per i figli conviventi:

–  Minori oppure

– Maggiorenni con disabilità e riconoscimento di handicap grave (articolo 3 comma 3 Legge 104).

IMPORTO DEL BONUS GENITORI SEPARATI O DIVORZIATI

Il bonus genitori separati, divorziati e/o non conviventi è corrisposto in un’unica soluzione in misura pari all’importo non versato dell’assegno di mantenimento e fino ad un massimo di 800 euro mensili.

Il contributo spetta per un massimo di 12 mensilità tenuto conto delle disponibilità del fondo che ammonta a 10 milioni di euro. Il bonus viene erogato dall’INPS previa verifica dei requisiti di legge a cura del Dipartimento per le politiche della famiglia.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda per percepire il bonus va presentata all’INPS, dal 12 febbraio al 31 marzo 2024, previa autenticazione sul portale dell’Istituto www.inps.it, poi dalla Home selezionare “Sostegni, Sussidi e Indennità” > “Esplora Sostegni, Sussidi e Indennità” > selezionare la voce “Vedi tutti” nella sezione Strumenti; selezionare poi l’apposito servizio “Contributo per genitori separati o divorziati per garantire la continuità dell’erogazione dell’assegno di mantenimento”.

INFORMAZIONI DA INSERIRE NELLA DOMANDA

Quando si compila la domanda di bonus vengono richieste alcune informazioni:

– indicare gli anni (fra quelli dell’emergenza COVID) in cui il reddito complessivo annuo del genitore richiedente è stato inferiore o uguale a 8.174 euro

–  indicare i dati relativi all’altro genitore e ai figli conviventi nel periodo di riferimento, selezionando i dati dagli appositi menu a tendina.

– allegare la documentazione che attesti il diritto all’assegno di mantenimento (es. sentenza di separazione, provvedimenti di autorità municipali, ecc.)

– allegare l’attestazione della disabilità in caso di figlio maggiorenne disabile qualora la stessa sia stata certificata in data antecedente al 2010, oppure provenga da contenzioso o sia stata rilasciata dalle Province Autonome di Trento o di Bolzano-Alto Adige o dalla Regione Autonoma Valle d’Aosta.

Se non si dispone di tutte le informazioni o dei documenti necessari è possibile compilare anche parzialmente la domanda e salvarla nello stato “Bozza” per poi completarla e inviarla in un secondo momento, non appena si è in possesso di tutta documentazione necessaria, sempre però entro il termine previsto del 31 marzo 2024.

Sarà poi il Dipartimento per le politiche della famiglia, dopo la chiusura del periodo di presentazione delle domande, a verificare i requisiti dei richiedenti. Successivamente, l’INPS procederà alla corresponsione del contributo economico ai beneficiari.

Informazioni su Avv. Nadia Delle Side 687 Articoli
Avvocato specializzato su invalidità, e disabilità, indennità di accompagnamento, cecità, sordità, handicap, prestazioni Inps e Inail. Richiedi una Consulenza Legale Online. Lo Studio offre un servizio di consulenza legale on line puntuale ed eccellente ad un costo che, nella maggior parte dei casi, è compreso tra i 60 e 150 euro. Clicca qui!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*