Come ottenere una protesi o un ausilio ortopedico

Come ottenere una protesi o ausilio ortopedico

Per ottenere una protesi o un ausilio ortopedico occorre seguire una procedura che in molti non conoscono.

Di seguito vi indichiamo come procedere per poter ottenere ad esempio ausili quali sedie a rotelle, deambulatori o girelli, stampelle, tripodi, cuscini antidecubito, letti ortopedici, oppure ausili su misura come plantari, calzature, busti, tutori, protesi, o ancora dispositivi per l’udito quali protesi acustiche, ausili per ipovedenti ed ausili per l’incontinenza (pannoloni, traverse, ecc ..).

1° PASSO DA FARE: OTTENERE LA PRESCRIZIONE

La prescrizione dei dispositivi protesici viene effettuata da un medico specialista inserito all’interno del SSN (quindi dipendente ASL o di struttura convenzionata), previa richiesta di visita specialistica da parte del proprio Medico di Famiglia.

In ogni caso, per richiedere un ausilio si deve avere una invalidità civile di almeno il 34%, ma per gli ausili urgenti (come sono quelli necessari per il rientro a domicilio dopo un ricovero) è sufficiente che la richiesta di invalidità sia stata inoltrata.

2° PASSO: L’AUTORIZZAZIONE DA PARTE DELL’ASL

Con la prescrizione del medico competente, possiamo recarci personalmente all’asl per ottenere l’autorizzazione e poi, ottenuta la stessa, portare la prescrizione autorizzata all’ortopedia per l’erogazione. La scelta dell’ortopedia è assolutamente libera da parte del cittadino. Oppure, ottenuta la prescrizione, possiamo recarci direttamente all’ortopedia sanitaria che fornirà un preventivo di spesa da allegare alla prescrizione del medico: con questi due documenti possiamo andare alla ASL di competenza per richiedere l’autorizzazione.

La ASL si deve pronunciare tempestivamente, ossia entro 20 giorni, superati i quali vale il silenzio-assenso, dunque la richiesta si ritiene accettata.

Attenzione! La ASL può negare l’autorizzazione all’erogazione degli ausili se può fornirli lei stessa. Cioè, se la ASL ha in suo possesso un ausilio che corrisponde a quello prescritto ha la precedenza nell’erogazione rispetto ad un’azienda ortopedica.

3° PASSO: LA FORNITURA

Con la prescrizione e l’autorizzazione della ASL si può finalmente procedere all’effettiva fornitura, a carico dell’ortopedia di nostra scelta o della ASL stessa.

4° PASSO: IL COLLAUDO

Il collaudo è una fase importante soprattutto se è stato fornito un prodotto non conforme alla richiesta, per tipologia o per misura. È la fase in cui è possibile segnalare difficoltà o malfunzionamenti.

Il collaudo è volto, infatti, ad accertare la corrispondenza del dispositivo erogato a quello prescritto. Qualora il collaudo accerti la mancata corrispondenza alla prescrizione, il malfunzionamento o l’inidoneità tecnico-funzionale del dispositivo, l’erogatore o il fornitore devono apportare le necessarie modifiche o sostituzioni.

Ci sono 20 giorni di tempo per effettuare il collaudo da parte del medico prescrittore, passati i quali non è più possibile cambiare il prodotto.

SE HO GIA’ UN AUSILIO E DEVO SOLO RINNOVARLO?

Se dobbiamo cambiare un ausilio già in uso si segue la stessa procedura appena vista per ottenere una nuova erogazione.

Attenzione: la ASL non autorizza la fornitura di un nuovo ausilio (rinnovo) prima che sia trascorso il tempo minimo di rinnovo, specifico per tipo di dispositivo. Ad esempio, per cambiare una carrozzina devono essere passati almeno 5 anni.

Fanno eccezione i minori di 18 anni ( a causa dei cambiamenti fisici/clinici durante la fase di crescita) che necessitano di rinnovi più frequenti.

In ogni caso i tempi minimi possono essere abbreviati sulla base di una dettagliata relazione medica, per particolari necessità terapeutiche o riabilitative, come ad esempio una patologia degenerativa che rende necessario un aggiornamento più frequente degli ausili in uso. Lo stesso vale se il prodotto è particolarmente usurato o è avvenuta una rottura accidentale (ma in questo caso il medico può decidere se richiedere un nuovo ausilio o una riparazione di quello vecchio).

DEVO PAGARE PER OTTENERE UN AUSILIO ORTOPEDICO?

L’erogazione, salvo casi particolari, è totalmente a carico del sistema sanitario nazionale.

Informazioni su Avv. Nadia Delle Side 689 Articoli
Avvocato specializzato su invalidità, e disabilità, indennità di accompagnamento, cecità, sordità, handicap, prestazioni Inps e Inail. Richiedi una Consulenza Legale Online. Lo Studio offre un servizio di consulenza legale on line puntuale ed eccellente ad un costo che, nella maggior parte dei casi, è compreso tra i 60 e 150 euro. Clicca qui!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*