Invalidità civile minorenni: semplificata la procedura per la presentazione della domanda

Invalidità civile minorenni: semplificata la procedura

L’Inps, nel messaggio n. 4212 del 22 novembre 2022 comunica e illustra il nuovo servizio di acquisizione della domanda di invalidità civile semplificata per i minori.

L’intervento rientra nell’ambito delle attività di semplificazione per il riconoscimento dell’invalidità civile e della disabilità e delle relative prestazioni economiche, finanziate dal PNRR.

Invalidità civile minorenni: semplificata la procedura per la presentazione della domanda

Si accede al servizio di trasmissione delle domande di invalidità civile attraverso il portale Internet www.inps.it, utilizzando le credenziali del minore (CIE oppure CNS); in alternativa è possibile l’accesso tramite delega SPID con le credenziali del genitore/tutore per conto del minore come previsto dalla circolare n. 127 del 12 agosto 2021 nonché dai messaggi n. 3305 del 1° ottobre 2021 e n. 171 del 13 gennaio 2022.

Analogo servizio è in fase di rilascio anche per gli Enti di Patronato e per le associazioni di categoria abilitate, per i quali l’Inps darà comunicazione con successivo messaggio.

Compilazione della domanda

La compilazione della domanda prevede diverse sezioni che riguardano, oltre ai dati attinenti alla richiesta di accertamento sanitario, anche i dati amministrativi necessari per la liquidazione di un’eventuale prestazione economica.

Se si seleziona la qualifica “Genitore dichiarante” si ha l’obbligo di inserire anche i dati relativi all’altro genitore nella sottosezione “Anagrafica altro genitore”. Il genitore non dichiarante verrà informato con i consueti modi previsti dall’Istituto (lettera raccomandata, PEC, e-mail o SMS) dell’avvio del procedimento di accertamento sanitario nei confronti del figlio.

Pagamento della prestazione economica

In caso si richieda il pagamento della prestazione economica derivante all’accertamento sanitario con la modalità “in contanti presso lo sportello”, se nella sezione “Rappresentante legale” sono stati inseriti entrambi i genitori, occorre che l’altro genitore fornisca il consenso esplicito alla riscossione nei confronti del genitore dichiarante prima dell’invio della domanda.

L’autorizzazione dell’altro genitore può essere data allegando in procedura nella sezione “Allegati” l’apposito modulo di delega (reperibile nella sezione quadro F successivamente al salvataggio dei dati inseriti) con le firme autenticate di entrambi i genitori. In alternativa, l’altro genitore che sia in possesso di SPID, CIE o CNS potrà effettuare l’accesso al servizio “Invalidità civile – Domanda (Cittadino)” con le proprie credenziali fornendo il consenso tramite la funzionalità “Acquisizione consenso alla riscossione”.

Testo integrale Messaggio Inps n. 4212 del 22 novembre 2022

Informazioni su Avv. Nadia Delle Side 604 Articoli
Avvocato specializzato su invalidità, e disabilità, indennità di accompagnamento, cecità, sordità, handicap, prestazioni Inps e Inail. Richiedi una Consulenza Legale Online. Lo Studio offre un servizio di consulenza legale on line puntuale ed eccellente ad un costo che, nella maggior parte dei casi, è compreso tra i 60 e 150 euro. Clicca qui!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*