Rapporto di lavoro delle persone disabili: quali agevolazioni

Rapporto di lavoro delle persone disabili quali agevolazioni

Nel caso vi sia un rapporto di lavoro, hanno rilievo le conseguenze derivanti da situazioni collegate con lo stato di handicap, sia conosciute al momento dell’assunzione, sia nel caso in cui sorgano durante il periodo in cui viene resa la prestazione lavorativa presso un datore di lavoro pubblico o privato.

Queste situazioni possono riguardare sia la persona con disabilità che altre persone che invece si occupano di prestare assistenza ad un familiare con disabilità (i c.d. Caregiver).

In materia, le regole fondamentali sono dettate dalla legge 104 del 1992 che è diretta a favorire l’integrazione ed il recupero funzionale e sociale delle persone con disabilità.

Proprio per garantire il pieno rispetto della persona con handicap e per favorire l’integrazione della stessa nel posto di lavoro, vengono posti dei limiti alla prestazione del lavoratore dipendente con disabilità nonché a quella del lavoratore che assiste un familiare con disabilità, parimenti sono posti degli obblighi in capo al datore di lavoro o alla Pubblica Amministrazione.

La legge 104/92, all’art 3, comma 1, stabilisce che la persona con handicap è quella che “presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa  di difficoltà   di   apprendimento,  di  relazione  o  di  integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale  o di emarginazione”.

All’art. 3, viene invece data una definizione di handicap grave, identificato laddove la minorazione richiede un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale: “Qualora  la  minorazione,  singola  o  plurima,   abbia   ridotto l’autonomia   personale,  correlata  all’età,  in  modo  da  rendere necessario un intervento  assistenziale  permanente,  continuativo  e globale  nella  sfera  individuale  o  in  quella  di  relazione,  la situazione   assume   connotazione   di   gravità.   Le   situazioni riconosciute di gravità determinano priorità nei programmi e negli interventi dei servizi pubblici”.

Vediamo quali sono le agevolazioni lavorative (che si tratteranno nello specifico nei prossimi articoli) che competono a coloro che sono riconosciuti persone con handicap ai sensi della legge 104/92 nonché del testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità (d.lgs. 151/2001).

I Permessi retribuiti

Il congedo straordinario retribuito biennale

Il prolungamento del congedo parentale

La scelta della sede di lavoro

Informazioni su Avv. Nadia Delle Side 682 Articoli
Avvocato specializzato su invalidità, e disabilità, indennità di accompagnamento, cecità, sordità, handicap, prestazioni Inps e Inail. Richiedi una Consulenza Legale Online. Lo Studio offre un servizio di consulenza legale on line puntuale ed eccellente ad un costo che, nella maggior parte dei casi, è compreso tra i 60 e 150 euro. Clicca qui!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*