Invalidità civile: allegazione documentazione online anche per le Associazioni di categoria

documentazione sanitaria invalidita

Con il messaggio n. 4454 del 14 dicembre 2023 l’INPS rende noto, in materia di invalidità civile, l’attivazione del servizio denominato “Allegazione documentazione Sanitaria Invalidità Civile” anche a tutte le Associazioni di categoria rappresentative delle persone con disabilità.

Il predetto servizio di allegazione dei documenti che già consente ai cittadini, ai medici certificatori e agli Istituti di patronato di inoltrare online all’Inps la documentazione sanitaria ai fini dell’accertamento medico legale dell’invalidità civile (nonché cecità, sordità, handicap e disabilità) per la definizione agli atti delle domande/posizioni in attesa di valutazione sanitaria (cfr. il messaggio n. 1060 del 17 marzo 2023), ora viene esteso anche alle Associazioni di categoria rappresentative delle persone con disabilità, ANMIC, ENS, UIC e ANFFAS.

Descrizione del servizio

Le citate Associazioni di categoria, tramite un operatore abilitato, possono allegare la documentazione sanitaria su delega dei cittadini che abbiano scelto la valutazione agli atti. Per potere avvalersi di tale nuova funzionalità, l’operatore deve essere preventivamente profilato dall’amministratore delle utenze come:

Operatore funzione di allegazione sanitaria

– Invalidità civile – Invio Documentazione Sanitaria (Id 3169).

Gli operatori abilitati delle Associazioni di categoria possono accedere all’applicativo attraverso il sito dell’INPS www.inps.it a seguito di autenticazione tramite le proprie credenziali SPID (di livello 2 o superiore) in considerazione della necessità di apporre una firma digitale al termine delle operazioni di allegazione della documentazione.

Ciò significa che la funzione di allegazione della documentazione sanitaria può essere utilizzata esclusivamente da questa tipologia di operatori opportunamente abilitati. L’operatore che allega la documentazione sanitaria può consultare la documentazione stessa entro 48 ore dalla data dell’inoltro, decorso tale termine non sarà più possibile procedere alla sua consultazione, ma sarà sempre possibile visualizzare la richiesta di allegazione.

Una volta completato il processo di allegazione della documentazione viene prodotta una ricevuta unica con l’elenco di tutti i documenti allegati con l’identificativa digitale univoco associato a ogni documento (Hash).

La ricevuta, che può essere stampata e rilasciata al cittadino, deve essere firmata digitalmente con FEA (Firma Elettronica Avanzata) dall’operatore dell’Associazione tramite l’inserimento delle proprie credenziali SPID.

Per quali domande può essere utilizzato il servizio di allegazione?

Il servizio attualmente riguarda:

  • le domande di prima istanza o di aggravamento di cittadini residenti nei territori dove l’INPS effettua l’accertamento sanitario in convenzione CIC con le Regioni. È possibile allegare la documentazione sanitaria su domande di prima istanza e di aggravamento solo se la domanda è stata presentata dall’Associazione;
  • tutte le revisioni sanitarie di invalidità civile (decreto-legge n. 90/2014). In questo caso l’INPS invia una comunicazione mediante lettera, con l’informativa al cittadino di potere optare per la valutazione agli atti di cui al citato articolo 29-ter del decreto-legge n. 76/2020. Tale comunicazione è inviata quattro mesi prima della scadenza di revisione.

 Tempo di fruizione del servizio

La documentazione può essere trasmessa fintanto è in corso l’iter di accertamento sanitario (ossia finché il verbale non è definito).

La documentazione sanitaria deve essere allegata online solo in formato PDF e di dimensione massima di 2 MB per ogni documento. Dopo la trasmissione il documento sarà reso disponibile alla commissione medica INPS, che potrà consultarlo e pronunciarsi con l’emissione di un verbale agli atti da trasmettere al cittadino a mezzo di raccomandata A/R.

Al fine di garantire la tutela della riservatezza dei dati trattati, le Associazioni di categoria si impegnano ad adottare tutte le misure idonee di sicurezza utili affinché la documentazione sanitaria sia trattata con la massima discrezione e riservatezza e non sia disponibile e accessibile a soggetti diversi da quelli autorizzati al trattamento dei dati ivi contenuti.

In particolare, l’operatore abilitato dell’associazione di categoria deve garantire che:

  • alla fine del processo di allegazione non rimanga copia digitale dei documenti sanitari trasmessi nei sistemi e negli strumenti informatici utilizzati;
  • non venga realizzata e successivamente conservata copia cartacea o in altro formato della documentazione sanitaria consegnata dal cittadino.
Informazioni su Avv. Nadia Delle Side 687 Articoli
Avvocato specializzato su invalidità, e disabilità, indennità di accompagnamento, cecità, sordità, handicap, prestazioni Inps e Inail. Richiedi una Consulenza Legale Online. Lo Studio offre un servizio di consulenza legale on line puntuale ed eccellente ad un costo che, nella maggior parte dei casi, è compreso tra i 60 e 150 euro. Clicca qui!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*