Revoca prestazione assistenziale e necessità di una nuova domanda amministrativa (Cassazione, ord. n° 4788/2019)

Fa discutere una recente eccezione processuale sollevata in giudizio dall’Inps secondo cui – sulla base di un “consolidato” orientamento giurisprudenziale (da ultimo Cassazione, ord. n. 4788/19) – quando un cittadino intenda ottenere il ripristino di una prestazione assistenziale precedentemente REVOCATA , questi è tenuto a presentare un nuova domanda amministrativa , essendo preclusa l’impugnativa in sede giudiziale del relativo provvedimento.
Si pubblica un’interessante nota messa a disposizione dall’amico e collega avv. Carmine Buonomo che, data la gravità e l’inconsistenza delle eccezioni avanzate dall’Inps, chiarisce la questione per arginare il problema alla nascita.

Informazioni su Avv. Nadia Delle Side 685 Articoli
Avvocato specializzato su invalidità, e disabilità, indennità di accompagnamento, cecità, sordità, handicap, prestazioni Inps e Inail. Richiedi una Consulenza Legale Online. Lo Studio offre un servizio di consulenza legale on line puntuale ed eccellente ad un costo che, nella maggior parte dei casi, è compreso tra i 60 e 150 euro. Clicca qui!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*