E’ pacifica l’applicabilità dell’art. 149 disp.att. c.p.c. al giudizio di opposizione ad ATPO (Cassazione, ord. n° 30860/2019)

Permessi L 104: non licenziabile lavoratore disabile grave

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza n. 30860/19 del 25-11-2019, ha sancito in via definitiva l’applicabilità dell’art. 149 disp. att. c.p.c. (il dovere del giudice di valutare anche l’aggravamento della malattia intervenuta nel corso del procedimento amministrativo e giudiziario) nel giudizio di opposizione all’ATPO ex art. 445 bis, 6° co., c.p.c..

Ne deriva, quindi, la sua applicabilità in materia assistenziale, non solo previdenziale, e dunque anche nell’ATPO!

La Corte di Cassazione, con l’Ordinanza predetta ha chiarito che proprio per le esigenze di celerità del processo previdenziale ex art. 445 bis cpc (ATPO) trova a maggior ragione applicazione l’istituto ex art. 149 d.a. cpc.

La previsione dell’inapplicabilità del citato articolo vanificherebbe infatti tale intento minando, alle radici, il procedimento spedito e peculiare voluto dal legislatore, la ratio deflattiva della novella, oltre a creare disarmonie nella protezione dei diritti condizionate dai percorsi processuali prescelti.

Di seguito il testo integrale dell’ordinanza messa a disposizione sulla pagina Facebook dei Previdenzialisti Romani dal collega avv. Massimo Mazzucchiello che ringrazio per l’interessantissimo precedente reso nel giudizio da lui patrocinato.

 

 

 

 

 

Informazioni su Avv. Nadia Delle Side 687 Articoli
Avvocato specializzato su invalidità, e disabilità, indennità di accompagnamento, cecità, sordità, handicap, prestazioni Inps e Inail. Richiedi una Consulenza Legale Online. Lo Studio offre un servizio di consulenza legale on line puntuale ed eccellente ad un costo che, nella maggior parte dei casi, è compreso tra i 60 e 150 euro. Clicca qui!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*